Ode all’Agave


Danzano le nebbie davanti al cuore pulsante, in un magico susseguirsi creano quel gioco di ombre che nasconde alla vista le ferite più dure. E’ paradossale come per poter descrivere uno stato d’animo, si utilizzi qualcosa di reale e intangibile, come il sentimento stesso. La tua bramosia di sapere muove l’ago, che incide in profondità la carne e penetra fino a raggiungere il margine di te stesso, scannerizzandoti da dentro; di te rimane un guscio ormai cambiato, svuotato della sua essenza, il tuo unico desiderio è quello di alzarti, afferrarla tra le due braccia e dirle che andrà tutto bene, rassicurandola con parole che a te alleviano quanto desideri suicidi, che non avrai mai.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: