Crawling or Calling?


C’è uno specchio in fondo al lago nero, è ricolmo di pensieri che non riesci a decifrare nel mare profondo e scuro. La cornice ti invita ad avvicinarti, come farebbe una meretrice mostrandoti la sua mercanzia; racchiude quella superficie liscia che ti mette a nudo, ma che sporcata, ti deforma, ti insulta, ti deframmenta. Se ci fosse una lanterna potresti aiutare la visuale, ma quella non c’è, devi illuminarla a parole, scrivere, agire, creare per poter rivedere la tua immagine riflessa. L’indecisione si fa strada dal cervello, attraverso il costato, risale il braccio fino alla punta delle dita, con una magnitudo tale da farti vibrare, risuonare, flettere.

E ti tuffi.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: