Contaminazione


Ci sono quelle persone che vivono senza rendersene conto. Quelle che aspettano da 30 anni un treno per una città densa di fumo, smog e speranze. Quelle persone che stanno li a passeggiare nervosamente avanti e indietro mentre la loro mente è immobile. La confusione della massa, in cui ognuno pensa di essere un soggetto distante e si dimentica che siamo tutti fratelli. Ci sono dei momenti, in cui io mi rifugio in un silenzio abissale, volgo lo sguardo leggermente sotto l’orizzonte, seguendo il taglio discendente dei miei occhi ed avvolgendoli nelle ciglia lunghe. In quel limbo così rilassante, ogni senso si fortifica, in una situazione di ragionato autismo. Li, mi trovo, a giocare con i tasselli Lego che compongono la fabbrica della realtà, non imitando qualche divinità antica, ma accrescendo la mia consapevolezza di essere umano. E li, in quel buio che mi appartiene, ogni tanto mi accorgo di quei bagliori che come idee saettanti mi attraggono e pervadono. E tu sei l’unica persona che vedo ad occhi chiusi, la cui presenza è una sinestesia continua.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: